Un consiglio alla signora maestra Maria Arcangela Fiorito:scenda dalla cattedra e studi la contabilita’ del Comune, evitera’ di dare numeri e voti a casaccio.

Il gettito della Tarsu ( tassa sui rifiuti solidi urbani) per legge non puo’ superare il costo del servizio.

La Giunta Fossati , di cui la signora maestra M.A.Fiorito era il vice sindaco, nel 2009 indice l’appalto per la raccolta dei rifiuti per il periodo 2009/2014.
Il costo del servizio e’ superiore di euro 300.000 rispetto al passato.

Dato che ci sono le elezioni amministrative, furbescamente, la giunta Fossati non delibera nulla ( avrebbe dovuto aumentare le tariffe) per trovare la copertura finanziaria, lasciando il gravoso onere alla vincente amministrazione Zanantoni.

Ed infatti, appena insediati, abbiamo dovuto porre mano al bilancio per riportarlo in equilibrio e salvare il patto di stabilità 2009.

Nel 2010, i maggiori costi del servizio ( oltre 300.000 euro) ci hanno obbligato all’aumento della tassa, per non ridurre gli interventi su scuole, nidi o sociale ed anche per ripristinare una situazione di equità tra le diverse categorie di contribuenti, dato che negli anni della amministrazione Fossati-Fiorito le “ partite Iva” quelli cioe’ che ora chiamiamo il” movimento dei Forconi” , avevano subito, solo loro, l’inasprimento delle tariffe.
Nel 2013 il PD ha votato contro la proposta della Giunta Zanantoni di non aumentare la tassa rifiuti.
Il PD avrebbe quindi preferito aumenti che partendo da 30 euro per i single, sarebbero arrivati a quasi 300 euro per famiglie numerose.

E questa è la manifesta dimostrazione di quanto le famiglie siano tenute in considerazione da parte del PD e della maestra Fiorito che siede in consiglio comunale ininterrottamente dal 1995 o come assessore o come consigliere comunale.
In questi 5 anni l’amministrazione Zanantoni ha dimostrato con fatti concreti di cercare, per quanto possibile, di mantenere contenuti gli obbligati aumenti della fiscalità locale.
Nel 2012 ha portato a 15mila euro la soglia di esenzione dall’addizionale Irpef. Ne beneficiano ben 3.547 muggioresi pari al 25% dei contribuenti. La stessa aliquota dell’addizionale è inferiore al massimo consentito.
Così come per l’IMU, dove la prima casa è al 0,4% e gli altri immobili al 0,89%.
E nel 2013 niente MINI-IMU, con code snervanti come successo in tanti comuni del circondario.

Possiamo vantare un bilancio sano e trasparente, ed di “ eccellenza contabile “.
E’ mia intenzione proseguire anche per il futuro senza aumentare tasse e tariffe

La campagna elettorale e’ iniziata, mi piacerebbe un confronto anche aspro ma corretto nei contenuti. Questa partenza della “maestra” non e’ un buon viatico.

LEAVE A REPLY